Home Page

 Saulo, sempre spirante minacce e stragi contro i discepoli del Signore, si presentò al sommo sacerdote, e gli chiese delle lettere per le sinagoghe di Damasco affinché, se avesse trovato dei seguaci della Via, uomini e donne, li potesse condurre legati a Gerusalemme.

PDFla-miduna-25012009

In quel tempo Giovanni stava con due dei suoi discepoli e, fissando lo sguardo su Gesù che passava, disse: «Ecco l’agnello di Dio!».

PDFla-miduna-18012009

Tramonti di Sotto

Data: 13 Gen 2009

tramonti-di-sotto.jpg

Parrocchia:
S. Maria Maggiore, S. Antonio Abate, S. Nicolo’ Vescovo
Indirizzo:
Via Roma 33090 TRAMONTI-CAMPONE (PN)
Telefono:
Vedi Meduno
E-mail: omarbianco2003@gmail.com
Numero abitanti: 379
Parroco: don Omar Bianco

Orari Messe Feriali estate

martedì ore 17.30 Chiesa di Tramonti di Mezzo
mercoledì ore 17.30 Chiesa di Tramonti di Sotto

Orari messe inverno feriale:

martedì ore 17.30 Chiesa di Tramonti di Mezzo

mercoledì ore 15.30 Chiesa di Tramonti di Sotto

Orario festivo Sante Messe:

ore 9.30 Chiesa di Tramonti di Mezzo

ore 11.00 (ogni 15 giorni, oppure Liturgia della Parola)  Chiesa di Tramonti di Sotto

Orario Pre-festivo Santa Messa – Sabato

ore 16.00 (ore 17.00 estivo) Chiesa di Campone

Chiese e Oratori:
Chiesa San Vincenzo (Canal di Cuna); Chiesa di Campone; Chiesa Sghittosa (Campone); Chiesa San Giacomo (Palcoda); Chiesa Tramonti di Mezzo
Feste religiose: Tramonti di sotto: festa dell’Assunta, Sant’Antonio di Padova. Campone: festa del Cuore Immacolato di Maria (3ª domenica di agosto). Tramonti di Mezzo: festa di Sant’Antonio Abate, S. Lucia e Madonna del Carmine.
Feste e tradizioni popolari:
Tramonti di Mezzo: in occasione della festa della Madonna del Carmine, sagra. Carnevale.
Attività parrocchiali e associazioni: Oratorio, campi estivi, Grest, feste organizzate con la Pro Loco, catechesi Appuntamenti e iniziative: Corso per fidanzati fornaneale (in primavera). Formazione genitori con di percorsi. Progetto Albania. Progetto Armenia (25 adozioni). Iniziative legate alla zona Pastorale di Meduno.
Casa per ferie / colonia: Canoniche aperte ai gruppi di cui una riscaldata.

NOTE STORICHE
LA PIEVE DI S.MARIA MAGGIORE A TRAMONTI DI SOTTO La Pieve di Santa Maria Maggiore di Tramonti di Sotto (Pn), è collocata su di un pianoro sopraelevato facilmente accessibile, quasi al centro della Val Tramontina, ed è la chiesa più antica e quindi “matrice” delle altre chiese della Valle. Le data di costruzione e consacrazione non sono note, ma, come riporta lo storico E.Degani in La Diocesi di Concordia, questa chiesa “costituita probabilmente durante l’invasione degli Ungari,(X°secolo) dalla gente rifugiata entro il canale del Meduno, era già Parrocchia nel 1186”, come ricorda la bolla (documento ufficiale) di papa Urbano III. Sotto la pavimentazione dell’attuale edificio si può supporre che vi siano le fondazioni dell’antica pieve del XI o XII secolo. La struttura dell’attuale Pieve è goticheggiante anche se si notano altri stili dovuti ad interventi posteriori e si suppone sia stata costruita nel 1500. La Pieve è circondata da un sagrato recintato che anticamente era utilizzato come cimitero;alle spalle del coro a poche decine di metri di distanza sorge il cimitero. La facciata esterna è semplice: un portale architravato ed un occhio circolare centrale sono gli unici ornamenti,sulla destra si eleva il campanile che invade parzialmente la navata. La cella campanaria si presenta con monofore arcuate a tutto sesto ai quattro lati, e nella parte superiore un tiburio ottagonale cieco. L’interno si apre ad una sola navata rettangolare lunga mt.15,60 e larga ml.9,00 con tre contrafforti ad arco acuto trasversali eretti nel 1660 circa in seguito ad una eccezionale nevicata che fece crollare il tetto. Questi fatti sono ricordati da una lapide murata sul secondo arco a sinistra che fra l’altro riporta il nome del Pievano di allora pre Marc’Antonio Piazza da Meduno. Il pavimento è stato costruito nel 1950,il precedente era in pietra,dono di don Basilio Miniutti originario della borgata di Movada sommersa dal lago di Redona, come riporta la scritta tra il primo ed il secondo contrafforte a desta. Il valore artistico della Pieve è dovuto in particolare al coro interamente affrescato. La struttura è composta da piccole volte a vela,suddivise da costoloni che creano delle forme romboidali. Il ciclo degli affreschi,restaurato nel 1953 da Gino Marchetot di Grado e, dopo il terremoto del 1976, dal pittore Giancarlo Magri,è attribuito a Gianpietro da Spilimbergo, della scuola Tolmezzina e si presume possano essere stati eseguiti ai primi del XVI secolo (1528-1530). Nell’arco trionfale in alto sono rappresentate l’Annunciazione ed il sacrificio di Caino e nella parte inferiore dodici figure di profeti e patriarchi.Nelle vele aderenti le finestre appaiono gli apostoli, abbinati secondo vincolo di parentela o comunanza di missione. Al di sotto di questi sono raffigurate delle sante martiri con l’emblema del martirio. Al centro capeggiano i quattro grandi dottori della Chiesa Occidentale: San Girolamo,Sant’Agostino,Sant’Ambrogio (o San Giovanni Grisostomo) e San Gregorio Magno. Al disotto di queste figure troviamo i simboli dei quattro Evangelisti. Nella parte centrale della volta è raffigurato Cristo Re che incorona la Vergine Assunta. Nell’abside, dietro l’altare maggiore,troviamo la pregevole Crocifissione con, sullo sfondo, i tre paesi della Val Tramontina.Negli angoli, ai lati delle due finestre, oblunghe a sesto acuto con vetri intarsiati, si notano quattro medaglioni raffiguranti i volti dei probabili donatori dell’opera. L’altare maggiore, che domina per la sua ampiezza il coro, fu costruito nel 1692 dall’allora pievano Deiure, come risulta da un’iscrizione sottostante il tabernacolo. Il tabernacolo, finemente lavorato e decorato con intarsi marmorei è sorretto da sei colonnine con capitelli corinzi che sorreggono una cupola.Nel 1741 l’altare fu arricchito da tre statue in marmo bianco: l’Assunta al centro ad ai lati San Giuseppe e Santa Maria Maddalena, opere dello scultore G.B.Bettini di Portogruaro. Ai lati destro e sinistro del coro due porte danno l’accesso alle due sacrestie. L’altare laterale sinistro è dedicato alla Madonna,e accoglie la statua lignea dell’Assunta,patrona del paese,acquistata ad Ortisei nel 1927 in sostituzione di una più antica dell’Immacolata Concezione.In passato l’altare era dedicato a San Rocco. L’altare laterale destro, è attualmente dedicato a Sant’Antonio da Padova e conserva la statua lignea del Santo. Nel 1800 questo altare era dedicato a San Giovanni Battista. La balaustra in pietra che delimita il coro, denota lo stile della scuola del Pilacorte e viene attribuita a scalpellini di Meduno, mentre i quattro angioletti portacandele sono attribuiti a Carlo Da Corona (1520 circa). Il battistero in pietra ha il fusto decorato a palmette,la coppa con scannellature a calice di fiore,baccelli e sqame con sovrapposte le insegne del vescovo di allora Antonio Felletto (1455-1488). La pila dell’acqua santa ha un fusto del 1500 ed un’ampia coppa del 1700. La sacrestia è fornita di un antico cantarano (mobile con cassetti) in legno di noce intarsiato che risale al 1690 circa e sul lato sinistro del coro è collocata la cattedra in legno di noce,con colorazioni policrome, che risale al 1500. Il terremoto del 1976, come altri nel passato, ha fortemente danneggiato le strutture della Pieve e del campanile. Il sapiente e lungo intervento della Soprintendenza Regionale alle Belle Arti,con iniezioni di cemento e micropali, ha dato all’edificio sicurezza statica ed i restauri hanno ridato l’antico splendore agli affreschi ed alle sculture di questo storico edificio sacro. I lavori, iniziati nel 1979,sono stati inaugurati il 5 maggio 1984 dal vescovo Abramo Freschi. La Patrona del paese è l’Assunta che si commemora con grandi festeggiamenti il 15 agosto di ogni anno; mentre il 7 ottobre si celebra la Madonna del Rosario. LA CHIESA DI SAN NICOLÒ A CAMPONE La chiesa è situata in un pianoro che precede il nucleo abitato centrale di Campone a sinistra della strada comunale che costeggia il torrente Chiarzò; è circondata dai verdi prati della vallata camponese e sul retro, a poca distanza, si trova il cimitero. L’edificio sorto su una preesistente cappellania esistente nel 1744, fu smembrata dalla Pieve di Tramonti di Sotto,di cui faceva parte, il 26 agosto 1824. Fu consacrata il 4 settembre 1852 Alla fine del 1800 si eseguirono lavori di ampliamento ed abbellimento:sul portale maggiore troviamo incisa la data del 1825, mentre quello secondario è datato 1864. La chiesa fu elevata a parrocchia con bolla vescovile del 22 agosto 1922. L’esterno è semplice e si caratterizza per il campanile staccato dalla chiesa e posto a destro della facciata e sul suo lato rivolto verso la strada si nota in basso un’antica meridiana,restaurata nel 1995, ed in alto un moderno orologio. All’interno, ad unica navata rettangolare,troviamo l’altare maggiore con al centro la statua di San Nicolò Vescovo di Mira, dei santi Osvaldo e Valentino ai lati, probabili opere degli altaristi scultori di Pinzano, eseguite nella seconda metà del XVII secolo. Il coro negli anni settanta fu arricchito da due affreschi rappresentanti i fatti salienti della vita di San Nicolò, eseguiti dal pittore pordenonese Giancarlo Magri. Alla destra della navata troviamo l’altare laterale della Beata Vergine, il cui simulacro fu acquistato nel 1886. Nel lato sinistro da notare un bassorilievo in pietra del pittore locale Gian il Camponese, che ricorda il benemerito ed intraprendente don Pietro Odorico, parroco di Campone dal 1960 al 1986. Il terremoto del 1976 ha lesionato anche questo edificio che in seguito è stato consolidato e restaurato. Pur essendo la chiesa intitolata a San Nicolò, a Campone si celebra la festa della Madonna Assunta il 15 agosto di ogni anno. LA CHIESA DI SANT’ANTONIO ABATE A TRAMONTI DI MEZZO La chiesa che sorge in mezzo al paese, è circondata da un bel sagrato, parte in acciottolato e parte a prato, che a sua volta è delimitato da un muro di cinta in pietra . Non è nota la data di erezione di questo edificio, ma è documentata la data della sua consacrazione:1760 . E’ certo poi che prima dell’attuale vi sorgesse un luogo di culto più antico visitato dal Vescovo mons. Nores nel 1584. Tra il 1844 ed il 1888 la chiesa fu allungata fino all’allineamento della facciata con il campanile che in precedenza era staccato dall’edificio. La chiesa,prima cappellania e dopo curazia, è sempre stata soggetta alla Pieve di Tramonti di Sotto fino al 1902 quando,dopo lunghe lamentele e richieste da parte della popolazione locale,ottenne la completa autonomia da Tramonti di Sotto. L’esterno della chiesa è caratterizzato dalla presenza delle pietre “fugate” risultato questo del sapiente restauro effettuato dalla Soprintendenza alla Belle Arti in seguito ai danni causati dal terremoto del 1976. Il cimitero si trova lontano dalla chiesa a nord del paese sul lato sinistro della strada comunale per Tramonti di Sopra. All’interno,ad unica navata rettangolare con l’antico pavimento in pietra, spiccano sopra l’altare maggiore,costruito nel 1853, le statue della Crocifissione: si tratta di tre statue in bronzo,il Crocifisso e ai lati la Vergine e San Giovanni Evangelista, opera del padovano Luigi Strazzabosco, collocate negli anni settanta con qualche modifica all’altare maggiore. La principale è stata lo stacco dell’altare dalla parte sovrastante per permettere che il celebrante sia rivolto verso il popolo e non, come in passato,che celebrava mostrando le spalle ai fedeli. L’altare laterale sinistro, è dedicato alla Madonna del Carmine e li è collocata la statua della Vergine che fu acquistata nel 1935 ad Ortisei(Val Gardena) in sostituzione della precedente che è una Madonna vestita e seduta. Quest’immagine attualmente si trova nel capitello di fronte al cimitero e risale al 1859. Fu eseguita da fra Felice da Padova (al secolo G.A.Dell’Osta da Lucca),come documentato da un piccolo foglietto trovato in una foro della testa del Bambino Gesù scritto dall’autore e ritrovato durante il restauro della statua nel 1978. Da ricordare che questo altare,prima del terremoto del 1976, era ulteriormente impreziosito da due statue in legno colorato di vernice bianca e dorata di Sant’Antonio abate, titolare della chiesa, e da Sant’Ermacora. Queste due singolari statue assieme ad una similare di San Gabriele, che prima della collocazione della Crocifissione del Strazzabosco, ornavano l’altare maggiore, sono attualmente conservate presso il Museo Diocesano di Arte Sacra a Pordenone. L’altare laterale destro è dedicato a Sant’Antonio da Padova ed è opera del XVII secolo. A metà della navata in una nicchia è posta la statua di Santa Lucia che regge in una mano la spada e nell’altra un piatto con gli occhi.Mentre di fronte sulla parete destra troviamo la statua del Sacro Cuore. Alle pareti laterali infine sono visibili i quadri della Via Crucis,opera dell’artista pordenonese Giancarlo Magri. Da notare le due acquasantiere in pietra: una sul fondo sinistro della chiesa con fusto e coppa lavorati ed una a muro vicino alla porta laterale destra che ha incisa la data 1691. In sacrestia l’armadio intarsiato del XVII secolo è considerato un’importante testimonianza dell’artigianato locale dell’epoca. Il terremoto del 1976 ha fortemente danneggiato la struttura della chiesa ed il campanile è stato demolito. La lunga opera di restauro, oltre come già detto a togliere gli intonaci esterni che hanno ridato all’edificio lo splendore di un tempo, ha consolidato le strutture e dato freschezza e pulizia agli interni. L’inaugurazione e la riapertura al culto è avvenuta il 21 gennaio 1990 con una solenne cerimonia alla presenza del vescovo di Concordia-Pordenone Sennen Corrà. Il campanile è stato ricostruito con le stesse misure e fattezze del precedente grazie al generoso finanziamento del sig. Duilio Ferroli, originario di Tramonti di Mezzo ed esponente della famiglia delle industrie internazionali Ferroli con sede centrale nel Veronese. Il campanile è stato inaugurato il 12 luglio 1998: una piccola lapide marmorea all’esterno del campanile, ricorda questi fatti ed il generoso gesto del sig.Ferroli. Lo stesso ha finanziato pure la sistemazione del sagrato e del muro di cinta che rendono l’insieme armonioso e bello. Il Patrono del paese è Sant’Antonio Abate che si commemora il 17 gennaio.Invece il 16 luglio si festeggia la Madonna del Carmine ed infine il 13 dicembre Santa Lucia. Queste varie ricorrenze religiose, la bellezza e la cura della chiesa,del campanile e del suo sagrato, sono la chiara testimonianza della profonda religiosità degli abitanti di Tramonti di Mezzo.

PDF libretto-chiese-tramonti-di-sotto

1-tramonti-di-sotto-santa-maria-maggiore-pn

2-tramonti-di-sotto-tramonti-di-mezzo-santa-maria-maggiore-santantonio-abate-pn

2-tramonti-di-sotto-campone-santa-maria-maggiore-san-nicolo-vescovo-pn

campane-tramonti-di-sotto

campane-tramonti-di-mezzo

progetto-ipotetico-arredamento-liturgico-chiesa-di-tramonti-di-mezzo-anno-2010-arch-maurizio-martinuzzi

progetto-arredamento-liturgico-chiesa-tram-di-mezzo-seconda-proposta

Progetto Albania

Data: 12 Gen 2009

Come zona pastorale della  Progetto Pellicano (da Tramonti di Sopra a Meduno) abbiamo lanciato per il tempo di Quaresima-Pasqua 2004 il Progetto Albania. Era ed è una sorta di sfida: perché l’Albania suscita istintivamente nella migliore delle ipotesi antipatia e diffidenza. Siamo partiti ascoltando uno spunto delle nostre suore che hanno dal 1991 (dal tempo del primo Progetto Pellicano) una casa a Lushnje (grande come la nostra Pordenone), 80 Km. a Sud di Tirana. E per motivarci ulteriormente abbiamo effettuato un breve viaggio per documentarci, raccogliendo testimonianze e materiale fotografico. E’ stata utile anche una delle ultime pubblicazioni di P. Alex Zanotelli, un comboniano conosciutissimo, forse un po’ esasperato nei suoi toni profetici, ma sicuramente convincente nelle sue esperienze personali. Con la Feltrinelli è uscito il suo: ‘Alla Scuola dei poveri’, dove racconta e interpreta 12 anni vissuti a Korogocho, spaventosa bidonville della cintura di Nairobi (capitale del Kenia). 12 anni di immersione in un degrado igienico sanitario spaventoso, dove la vita umana vale meno di un pacchetto di sigarette, dove si è costretti a pagare per scavare nella discarica municipale, bidonville con il 90% delle ragazzine sieropositive… sardinizzati. ‘Se  Dio sta dalla parte dei poveri’ scrive P. Alex, ‘e se Korogocho è un inferno, allora Dio stà all’inferno e io che sono innamorato di Lui… decido di scendere all’inferno’. Alex poi guarda e decifra l’economia e la politica globale partendo dalla prospettiva degli ultimi, partendo da Korogocho. Non gli si può dar torto se lui, tra lacrime indignate, grida che la bomba contemporanea, l’ingiustizia e il pericolo planetario è la spaccatura drammatica tra ricchi (sempre più più ricchi e meno numerosi) e poveri (sempre più poveri e più numerosi). Ora, l’Albania ai nostri occhi increduli è apparsa come un pezzo della peggiore Africa dentro all’Europa. Sporco ovunque: una grande pattumiera nazionale. Povertà ambientale, urbana, culturale, economica, scolastica, sanitaria, politica… religiosa. Un paese che rischia di implodere sotto le macerie di quello che è stato un totalitarismo dissennato e isolazionistico, che ha quasi cavato l’anima al popolo albanese. Suore, preti, piccole comunità cristiane sono lì a lavorare per recuperare dignità e identità. Con i ragazzi, i giovani e con le comunità abbiamo cercato in questi mesi di coscientizzarci mostrando immagini, dialogando insieme, ascoltando testimonianze (ricordate Suor. Olga?) e raccontando esperienze. Quindi siamo passati ad una fase più operativa: Progetto Mucca (possedere una mucca per una famiglia rurale è come avere una piccola impresa), Progetto Macchina da Cucire, Progetti Edili (in loco – per questa estate). Si sono coinvolti i ragazzi della Messa di Prima Comunione, e i giovani della Cresima con le loro famiglie: con offerte personali o con iniziative come la ‘Vendita di Torte’. Il 19 Giugno realizzeremo una Raccolta Straordinaria di Ferro, e confidiamo che sarà quasi una festa del volontariato per giovani e meno giovani. Mettendoci un pochino dalla parte dei poveri impariamo a collaborare (anche tra di noi), a condividere, ad apprezzare con gratitudine la nostra fortuna, a leggere senza distorsioni e pregiudizi la storia altrui… ad evangelizzare e ad essere evangelizzati. L’inferno allora, che non è mai una benedizione in sé, può diventare una benedizione, lo spazio dove seminare le benedizioni di Dio, il luogo per incontrarlo ed incontrarci. Ringraziamo qui tutti coloro che si sono coinvolti con prontezza e generosità.

 

Don Fabrizio e Paolo Ferroli

Tramonti di Sopra

Data: 12 Gen 2009

 

Tramonti di Sopra

Parrocchia:
San Floriano Martire

Indirizzo:
Via Roma, 21
33090 TRAMONTI DI SOPRA (PN)
Telefono:
Vedi Meduno

E-mail:
omarbianco2003@gmail.com

Numero abitanti:
341
Parroco:
don Omar Bianco

Orari messe estate feriale
ore 17.30
Orari messe estate festivo:
ore 11.00 (ogni quindici giorni, oppure Liturgia della Parola)
Orari messe inverno feriale:
ore 15.30
Orari messe inverno festivo:ore 11.00 (ogni quindici giorni, oppure Liturgia della Parola)

Chiese e Oratori:
Chiesa Madonna della Salute
Feste religiose:
Madonna della salute. San Floriano (patrono)
Feste e tradizioni popolari:
Carnevale.
Attività parrocchiali e associazioni:
Appuntamenti e iniziative:
Corso per fidanzati fornaneale (in primavera). Formazione genitori con di percorsi. Progetto Albania. Progetto Armenia (25 adozioni). Iniziative legate alla zona Pastorale di Meduno.

NOTE STORICHE

LA CHIESA PARROCCHIALE DI SAN FLORIANO MARTIRE

La chiesa, situata in una posizione panoramica fuori dall’abitato di Tramonti di Sopra, affiancata dal cimitero, è collegata con il paese da un bel viale alberato. Lo storico E Degani nella sua Diocesi di Concordia afferma che la data della costruzione della chiesa risale al 1625 anche se nel 1584 mons.Nores Vescovo di Parenzo durante la sua visita apostolica trovò un edificio sacro con l’altare maggiore consacrato. All’epoca la chiesa ed il suo territorio era soggetto alla giurisdizione della Pieve di Tramonti di Sotto. Solo il 2 gennaio 1670 la chiesa di San Floriano diventò Parrocchia autonoma con la firma da parte del Vescovo Agostino dell’apposito decreto vescovile,non senza numerosi contrasti e liti fra parroci per la riscossione di tasse e prebende. Nel 1861 l’edificio subì un radicale restauro compresa la controsoffittatura. La facciata esterna, con portale architravato ed un occhio circolare centrale, è abbellita dal una recente vetrata dell’artista Pierino Sam. Il massiccio campanile è posto interamente sul lato destro della facciata. La cella campanaria ha subito una sopraelevazione per la collocazione della terza campana nel 1845. L’interno ampio ed armonioso nelle sue linee neoclassiche,si apre ad una sola navata,il cui soffitto fu affrescato nel 1939 da Gino Marchetot, misura mt.21,95 x 11,00,mentre il presbiterio misura ml.7.85 x 8,05, sul lato est la sacrestia. Il grandioso altare maggiore presenta con una scenografia barocca in marmo policromo:le due statue laterali, a sinistra san Floriano con in mano la palma simbolo del martirio, a destra San Domenico, danno slancio e movimento al tabernacolo riccamente decorato. I due altari laterali, appoggiati all’arco trionfale, sono arricchiti da due belle statue di marmo settecentesco, a sinistra la Beata Vergine del Rosario,il sottostante paliotto con scolpita l’immagine della Madonna, ed a destra San Domenico anch’esso con il sottostante paliotto che riporta l’immagine di San Rocco. In alto a destra della navata, in corrispondenza della porta laterale, è collocato il pulpito in legno ,opera anonima del XVII secolo. In corrispondenza della porta principale in posizione elevata è stato ricavato un piccolo spazio destinato a cantoria Il terremoto del 1976 arrecò al fabbricato diversi danni, in particolare alla torre campanaria, che furono riparati con iniezioni di consolidamento ai muri ed il rifacimento del tetto. Patrono del paese è San Floriano, ma la festa religiosa che solennemente viene celebrata ogni anno il 21 novembre è la Madonna della Salute.

LA CHIESETTA DELLA MADONNA DELLA SALUTE

I lavori di costruzione della chiesetta, che sorge quasi al centro del paese,iniziarono nel 1898 quando il parroco di allora, don Angelo Cattarinuzzi, rivolse un appello agli emigranti tramontini sparsi per il mondo. L’edifico fu consacrato nel novembre 1911, con una solenne cerimonia, ricordata da una cartolina-postale che riproduce il passaggio nella piazza della processione con la nuova statua della Madonna. La chiesetta è in stile neogotico con la facciata riquadrata da lesine e sormontata da quattro pinnacoletti .L’immagine della Madonna che sovrasta la facciata,è un mosaico eseguiti nel 1932 dal mosaicista spilimberghese Gino Avon. Nel 1930 la facciata fu trasformata in monumento ai caduti con l’inserimento di quattro lapidi marmorei con i nomi dei caduti della prime e seconda guerra mondiale. All’interno il piccolo coro accoglie la statua della Madonna della Salute,venerata con una grande festa annuale la penultima domenica di novembre. Le pareti del coro sono state affrescate negli anni settanta dal pittore pordenonese Giancarlo Magri; dello stesso autore sono pure le quattordici stazioni della Via Crucis.

PDF libretto-chiese-tramonti-di-sopra

1-tramonti-di-sopra-san-floriano-pn

campane-tramonti-di-sopra

Chievolis

Data: 12 Gen 2009

Parrocchia:
SS. Apostoli Pietro e Paolo
Indirizzo:
Via della Chiesa, 8
33090 CHIEVOLIS (PN)
Telefono:

Vedi Meduno

Numero abitanti: 137
Parroco: don Fabrizio De Toni

Orari messe estate feriale
ore 15.00 (venerdì)
Orari messe estate festivo:
ore 15.00
Orari messe inverno feriale:
ore 15.00 (venerdì)
Orari messe inverno festivo:
ore 15.00
Chiese e Oratori:
Chiesa di Maria Bambina (Inglagna); Chiesa della Madonna del Carmelo (Redona); Muinta.
Feste religiose:
Festa dei Patroni (fine giugno). Inglagna. Festa di Maria Bambina (2ª domenica di settembre)
Attività parrocchiali e associazioni:
Catechesi a Tramonti di Sotto.
Appuntamenti e iniziative:
Iniziative in comune con Unità Pastorale di Meduno.
Casa per ferie / colonia:
Sala della Canonica per piccoli gruppi.

Chievolis

NOTE STORICHE

Già dipendente da Tramonti di Sopra, veniva eretta in cappellania il 10 agosto 1741, in curazia indipendente nel 1892, in parrocchia con decreto vescovile 24 giugno 1942, civilmente riconosciuta il 10 novembre 1944 (una delle due parrocchie riconosciute dal governo della repubblica di Salò: l'altra è quella di Loncon). La chiesa preesistente era stata costruita nel 1738; l'attuale fu iniziata nel 1870, aperta al culto nel 1890; ultimata nel 1939; consacrata il 18 gennaio 1956.
Nella borgata di Redona è stata sommersa, insieme con alcune case, la chiesetta dedicata alla Madonna del Carmelo, essendosi realizzato in loco un lago artificiale per la produzione dell'energia elettrica; la SAICI, costruttrice della centrale, eresse in altro luogo poco distante una chiesetta nuova che venne benedetta dal vescovo De Zanche il 7 gennaio 1952.
Altro oratorio: Natività della B. Vergine.

PDF Scarica il libretto della Chiesa.

1-tramonti-di-sopra-chievolis-santissimi-pietro-e-paolo-pn

presentazione-di-elisa-e-due-ruote-spericolate

elisa-e-due-ruote-spericolate-di-elisa-mongiat

Pagine: Indietro 1 2 3 ... 35 36 37 38 39 40 41 42 43 Avanti